gimp vs photoshop
Software

GIMP vs Photoshop

Sei alla ricerca di un editor di immagini e stai cercando di confrontare GIMP vs Photoshop? Bene sei nel posto giusto! In questo articolo potrai trovare tutte le informazioni su come un editor fotografico gratuito può lottare contro con lo standard del settore.

Adobe Photoshop è stato a lungo in cima alla lista delle preferenze degli utenti per quanto riguarda i software di fotoritocco e di editing delle immagini, ma è sempre stato associato a un prezzo di livello professionale. Anche se Photoshop attualmente è molto più accessibile di quanto non fosse anni fa grazie a un piano di abbonamento da circa 10€ al mese, l’editor standard del settore non sarà mai conveniente come GIMP, un editor di foto open source che racchiude molti dei potenti strumenti di Photoshop.

GIMP, che sta per GNU Image Manipulation Program, è una alternativa di Photoshop gratuita e open source, ed è disponibile per Mac, Windows e Linux. Ma come si può confrontare sul mercato rispetto a un programma con Photoshop che è così popolare che si è trasformato in un verbo? Ecco cosa devono sapere gli editor di foto quando si cerca di decidere tra GIMP e Photoshop.

Pro e contro di GIMP

I pro di GIMP

  • Gratuito
  • Download di piccola dimensione
  • Include molti degli stessi strumenti di Photoshop
  • Codice open source

I contro di GIMP

  • Manca l’interfaccia professionale di Photoshop
  • Gli aggiornamenti non sono molto frequenti
  • Mancano alcuni strumenti avanzati
  • Manca di funzionalità di progettazione grafica, come ad esempio la gestione dei colori in formato CMYK

Costo

Sebbene GIMP sia gratuito, Photoshop non è più il programma da un migliaio di euro, come era una volta. Con l’avvento di Creative Cloud, Adobe ha trasferito tutti i suoi programmi principali su un modello di abbonamento, il che significa che dovrai continuare a pagare per tutto il tempo in cui desideri utilizzarlo e i costi mensili si sommeranno nel tempo. Fortunatamente, se ti interessa solo usare di Photoshop, il piano fotografico da 10€ è abbastanza semplice da gestire. Inoltre, il modello di abbonamento ti assicura di utilizzare sempre l’ultima versione dell’app.

Il piano fotografia Adobe Creative Cloud include anche:

  • Lightroom, un editor fotografico e organizzatore RAW non distruttivo che si integra bene con Photoshop;
  • Lightroom classic;
  • Portfolio, per creare splendidi siti web portfolio su desktop e dispositivi mobili;
  • Adobe Spark per creare facilmente grafica social, pagine web e filmati brevi di grande impatto;
  • 20 gigabytes di spazio di archiviazione cloud, a cui è possibile aggiungere altro spazio con un piccolo costo aggiuntivo.

Tutto ciò si aggiunge a un valore innegabilmente buono per una spesa di 10€ al mese.

GIMP invece non offre un pacchetto completo come il piano fotografico Creative Cloud. Non include l’archiviazione cloud né un proprio processore e organizzatore RAW, anche se puoi optare per un concorrente open source di Lightroom chiamato RawTherapee. GIMP ha inoltre bisogno di un plug-in per convertire e aprire i file RAW, che, fortunatamente, anche in questo caso è gratuito.

GIMP vs Photoshop: Caratteristiche

Photoshop è stato a lungo uno standard industriale per il fotoritocco e la progettazione grafica. GIMP, come altri programmi open source, tende ad avere un minor numero di funzionalità avanzate, dal momento che nessuno è motivato da un profitto per migliorarla continuamente. Ma libero non significa qualcosa di cattivo o negativo, e per alcuni tipi di utenti, GIMP ha tutti gli elementi essenziali necessari senza dover spendere inutilmente denaro. Inoltre occupa meno spazio sul disco rigido.

Come programma open source, GIMP è facile da personalizzare. Anche se non hai le conoscenze di programmazione per modificare il codice open source, GIMP ha diversi plugin per espandere le funzionalità, ed anche l’interfaccia utente può anche essere facilmente personalizzata. Il programma è leggero, quindi oltre a occupare meno spazio sul computer, è anche compatibile con computer più vecchi e dispositivi economici che potrebbero non avere la RAM richiesta da Photoshop.

Per quanto riguarda gli strumenti, GIMP può gestire le stesse modifiche di base e di medio livello e, in alcuni casi, anche le modifiche più avanzate di Photoshop. Se hai solo bisogno di ritagliare e ridimensionare una foto, GIMP può facilmente fare questo lavoro. Sebbene non sia così avanzato come Photoshop, GIMP non è solo un semplice software di fotoritocco: offre livelli, curve, filtri e molti altri strumenti che vanno ben oltre quelli di base.

Ma come standard del settore con una società dedicata che effettua aggiornamenti frequenti, Photoshop è sicuramente il programma più potente. Ad esempio, GIMP ha solo uno strumento pennello correttivo mentre Photoshop ne ha quattro. GIMP inoltre non gestisce il colore CMYK, non consente il fotoritocco non distruttivo utilizzando i livelli di regolazione e richiede plug-in per alcune funzionalità integrate in Photoshop. Adobe innova anche a un ritmo incredibile e ha iniziato a integrare l’intelligenza artificiale in Photoshop diversi anni fa con strumenti come Face-Aware Liquify, che rileva automaticamente le caratteristiche del viso di una persona e ti consente di ridimensionare gli occhi, la bocca e il naso senza dover fare alcuna selezione manuale.

Questo non vuol dire che GIMP non ottiene mai aggiornamenti: questo software di solito ha una sorta di aggiornamento minore o maggiore ogni pochi mesi e sono in corso piani per lo sviluppo delle funzionalità di editing non distruttivo e il supporto CMYK.

Interfaccia utente

L’interfaccia di Photoshop sembra meno goffa e, come standard del settore, più familiare per gli utenti esperti. GIMP potrebbe non essere progettato in modo pulito, ma poiché ha meno strumenti e più modi per personalizzarlo, può intimidire meno i principianti.

Entrambi i programmi hanno una curva di apprendimento per i nuovi utenti e, grazie alla sua popolarità, Photoshop ha più tutorial per aiutarti a imparare a padroneggiarlo, sia di proprietà di Adobe sia da una serie di risorse online come CreativeLive. Ma non avrai difficoltà a trovare tutorial GIMP su YouTube, poiché il programma ha una community attiva che lavora per supportarlo.

Conclusione

Per essere un programma gratuito, GIMP ha molto da offrire. In effetti, anche se non fosse gratuito, sarebbe comunque uno degli editor di immagini più ricchi di funzionalità. Ma i fotografi e gli utenti professionali tendono a preferire gli strumenti, l’interfaccia e la perfetta compatibilità di Photoshop con Lightroom.

Photoshop ha anche un paio di enormi vantaggi, come i livelli di regolazione, che consentono l’editing non distruttivo e il supporto CMYK che, sebbene sia una funzione di nicchia, è assolutamente necessario per coloro chi gestisce foto o grafiche da far stampare in tipografia.

Grazie agli incassi per l’abbonamento a Creative Cloud che arrivano ogni mese, Adobe può anche continuamente investire per sviluppare nuove funzionalità sui suoi prodotti, di solito molto prima di chiunque altro. E davvero, a 10€ al mese per il piano fotografico, Photoshop non è assolutamente costoso.

Ma per i principianti o le persone che hanno solo bisogno di ritoccare un’immagine in qualche occasione, GIMP è più che sufficiente per portare a termine il lavoro.